Siamo donne, casomai non lo aveste capito, e vogliamo diventare famose! Queste sono solo due delle innumerevoli papere fatte durante l’intervista a Radio Lombardia Live Social!
Sembravamo tanto disinvolte ma in realtà eravamo terrorizzate.
L’unico “aiuto esterno” è stata una buona bottiglia di bollicine bevuta prima dell’intervista… ecco qualcosa su cui ridere in questo momento in cui allentare un po’ la tensione può solo giovare al nostro spirito!

L’intervista a Radio Lombardia Live Social: “Siamo donne e vogliamo diventare famose!”

E’ passato ormai un anno da quando ci siamo concesse il lusso di essere intervistate da qualcuno. Era la prima volta per entrambe, eravamo tese come strombole. Avevamo i nervi a palla ed il sorriso teso di chi ha l’adrenalina alle stelle. Però eravamo assolutamente pronte e ferrate su ogni argomento che volevamo toccare durante l’intervista a Radio Lombardia Live Social.

Il punto di vista di Barbara

Ci avevano detto che prima della registrazione ci saremmo accordate con il DJ sulle domande che ci avrebbe fatto. Sapevamo ormai praticamente a memoria ogni frase da dire e la scaletta precisa da seguire.
Tutta la nostra preparazione, però, è andata in fumo in un attimo!
Il DJ, Roberto Rutiliano, ha deciso, non per cattiveria ma semplicemente per prassi aziendale, di farci sedere, indossare le cuffie ed iniziare la registrazione.
Io a bocca aperta e con il terrore negli occhi mi sono tolta le cuffie ed ho chiesto al DJ, con sguardo implorante: “Ma non decidiamo insieme la scaletta da seguire e le domande che ci farai?”
Ma non c’era tempo, le interviste si susseguivano come i pagamenti in cassa all’Esselunga.

Radio-Lombardia-Live-Social-Barbara-mi-scusi

L’intervista a Radio Lombardia Live Social: dopo il primo attimo di panico tante risate

Ci siamo quindi trovate catapultate in un attimo in una situazione scomoda e del tutto nuova.  ma nonostante la tensione, le papere fatte e l’improvvisazione assoluta ci siamo divertite tantissimo. Ancora oggi a distanza di un anno ridiamo come le pazze quando risentiamo le nostre voci, vediamo il nostro strano dondolio sugli sgabelli ed ascoltiamo i nostri discorsi strampalati.
Una domanda su tutte che ci ha colte veramente di sorpresa e che mi ha fatto rispondere nella maniera più assurda che mi venisse in mente è stata: “Programmi per il futuro?”
Cosa potevo rispondere: “Torno a Milano, vado a prendere mia figlia a scuola e la accompagno a lezione di Acrogym? Telefono a mio figlio e lo cazzio perché invece di studiare lo vedo attivo su WhatsApp? Poi torno a casa e dopo aver dato da mangiare ai gatti preparo la cena per tutti?”
Ovviamente no e la risposta geniale che mi è balenata in testa è stata solo una: “Siamo donne, casomai non lo aveste capito, e vogliamo diventare famose!”
Detto ciò Roberto Rutigliano ha coniato ad hoc per noi la memorabile frase: “l’eccellenza della normalità”.

Il punto di vista di Mery

La sera prima mettendoci d’accordo sui vestiti e l’orario di partenza per raggiungere la “location” ho detto a Barbara: “Senza un rinforzino per lo spirito e la spavalderia la vedo male a essere disinvolte durante l’intervista”. Cosa ne dici se ci cerchiamo un bel posticino nelle vicinanze per mangiare un boccone e berci un bicchierino di vino?
Bene, partiamo, parcheggiamo e ci mettiamo alla ricerca di un ristorantino a Rho. Chi l’avrebbe mai detto che sarebbe stato così difficile trovarne uno! Così dopo aver scartato una mensa per Camionisti, un dubbio e vuoto ristorante cinese, un altro pieno, finalmente abbiamo trovato un tavolo libero in un Osteria. Agitate anche dalla mancanza di tempo l’effetto vino è stato immediato.

L’intervista a Radio Lombardia Live Social: serviva il doppio rinforzino

Ma non ci siamo mica fermate qui! Ah no! Una volta sul posto prima dell’intervista, dopo un pò di attesa in cui l’effetto pranzetto stava pian piano svanendo ci siamo dirette al bar della “location” per ordinare un prosecco. Peccato che in quel momento ci hanno chiamato per il nostro turno e così ci siamo presentate al Dj con un bicchiere di prosecco in mano! Sarà per quello che non ha voluto darci ascolto sulla nostra ben preparata scaletta…
Che giornata e quante risate!

E come abbiamo consigliato alla fine della nostra intervista a Radio Lombardia Live Social leggete l’articolo “Non serve essere sommelier per scegliere un buon vino”, rimarrete piacevolmente sorpresi!

Un sorriso a tutti … Barbara e Mery